Crea sito

Esistono tanti tipi di sistemi elettronici tra questi ricordiamo quelli costruiti con i microprocessori.

I sistemi a microprocessori si dividono in due grosse categorie:

- Sistemi a microprocessori di tipo CISC e

-Sistemi di microprocessori  di tipo RISC.

II sistemi di tipi CISC sono quelli che hanno un grande set di istruzioni;

quelli di tipo RISC hanno invece un ridotto set di istruzioni.

Altri tipi di sistemi sono quelli realizzati con i microcontrollori.

SISTEMI OPERATIVI

I microprocessori si distinguono anche per il loro sistema operativo, tra questi i più famosi sono:

-Sistema operativo DOS (Disk Operating System)

-Sistema operativo Windows

-Sistema operativo Linux

-Sistema operativo Apple

Oggi esistono tanti sistemi di elaborazioni delle più disparate dimensioni e performance, e a costi contenuti.

Inoltre esistono tanti tipi di connessioni sia wireless (senza fili) che wired (fissi o con fili).

Tutte queste innovazioni hanno quindi portato all'introduzione di diverse sistemi operativi con diverse architetture, come i sistemi operativi per i cellulari e i sistemi operativi per i palmari.

Anche la connettività tra questi sistemi sta avendo un'enorme sviluppo;

ricordiamo la connettività di tipo Ethernet (quello con il filo), la connettività  Bluethoot (senza fili ma per piccole distanze) e Wireless (senza fili) per le reti LAN

Il microprocessore 4004

Il primo microprocessore della storia fu costruito nel 1971.
Si trattava di un INTEL 4004. Non poteva fare granchè, solamente addizioni e sottrazioni ( 4 bits alla volta). La vera novità era che tutti i componenti erano racchiusi in un unico chip. Prima di allora infatti gli ingegneri erano costretti a costruire computers usando gruppi di chips e transistor.

Il primo microprocessore ad essere inserito in un Home Computer (nel 1974) fu l'INTEL 8080, che poteva fare operazioni ad 8 bits.
Quello che però si impose veramente nel mercato fu il famosissimo 8088 e 8086 che, introdotto dalla INTEL nel 1979, venne installato su milioni di PC IBM.


 

Il microprocessore 8086

LA CPU 8086

Il microprocessore 8086 fa parte della famiglia 80xxx della INTEL. Il capostipite di questa famiglia è stato l’8080, un microprocessore ad 8 bit che ha riscosso un enorme successo, paragonabile solo allo Z80.
Il microprocessore 8086 è a 16 bit ed è stato realizzato con tecnologia N-Channel Silicon Gate (HMOS), ed è stato introdotto dalla INTEL nel 1978.
Esso ha avuto un enorme successo perché la Microsoft per esso ha costruito il sistema operativo MS-DOS che è stato uno standard molto utilizzato grazie alla IBM, che lo ha scelto per la sua linea di Personal Computer.
L’architettura ed il set di istruzioni delle successive CPU di questa famiglia si sono progressivamente evoluti, mantenendo comunque molte somiglianze strutturali e soprattutto la compatibilità software verso il basso, cioè rispetto ai modelli precedenti. Questo era molto importante perché in questo modo gli utenti potevano interfacciare la stessa CPU con i dispositivi che già possedevano senza dover sempre comprare tutto ex-novo.
Dopo l’8086 sono stati prodotti moltissimi microprocessori tra cui ricordiamo l’ 80286, 80386, 80486 fino alla serie del Pentium, Pentium II, Pentium III, Pentium IV.
Oggi come è noto siamo già arrivati al Pentium a 64 bit, nelle sue molteplici versioni, e lo sviluppo dei microprocessori è in continua evoluzione.

Storia del computer: Il Pentium

Il pentium e' un microprocessore appartenente alla quinta generazione di processori con architettura xx86. Esso arrivo' dopo l'ultima versione del 80486.

Rispetto al 80486 riusciva ad eseguire due operazioni per ciclo di clock;

aveva un bus di indirizzo a 64 bit;

supportava le istruzioni MMX (sono le piu' recenti).

I primi Pentium avevano una frequenza che oscillava dai 60 MHz, 66 MHz, 75 MHz.

Architettura Pentium

L'architettura Pentium presenta molti miglioramenti rispetto ai suoi predecessori (80486):

-per consentire la massima velocità nell'elaborazione dei dati, nel Pentium sono contenute due unità aritmetico-logiche (ALU). L'unità aritmetico-logica si può immaginare come il "cervello del cervello", la zona nella quale vengono eseguite le operazioni matematiche o logiche tra i dati; nel caso in esame la presenza di due ALU consente di elaborare due insiemi di numeri contemporaneamente.

-Il pentium scambia i dati con la memoria di lavoro mediante un bus dati di 64 bit contro i 32 del processore precedente.

La velocità con cui le informazioni si muovono dentro e fuori del chip depende dalla velocità alla quale possono viaggiare le informazioni sul bus del PC, il vero sistema di comunicazione che collega il processore alle altre parti del sistema , memoria inclusa.

Attualmente la velocità di trasferimento dei dati sul bus è pari a 100MHz.

Essendo il bus composto di 64 linee per i dati, questo significa che le informazioni possono essere trasferite alla velocità di:

64*100 Mbps=6,4 Gbps

La velocità del bus di sistema costituisce una limitazione per la velocità di trasferimento delle informazioni in quanto molti processori lavorano al loro interno con velocità decisamente maggiore di 100 MHz: gli attuali microprocessori hanno infatti un clock interno di frequenza maggior di 1 GHz!

Per risolvere il problema è possibile intervenire aumentando la velocità del bus ma per aumentare la frequenza di lavoro della scheda madre anche di pochi MHz occorrono elevati investimenti in ricerca.

Per tali motivi Intel e AMD hanno adottato per i loro microprocessori un'architettura particolare. A tale scopo sono state inserite nel processore due memorie di lavoro chiamate memorie cache.

La prima di tali memorie integrate nel microprocessore è chiamata cache di secondo livello indicata con la sigla L2; essa riceve i dati del bus esterno alla velocità consentita dal bus, ma li mette a disposizione del processore alla velocità del clock interno, che ha frequenza più elevata.

Essa può , quindi ricevere i dato con una frequenza di 100MHz e li può trasferire al processore utilizzando una frequenza di clock che,nelle ultime versioni raggiunge e supera i GHz.

Il pentium Pro

Il Pentium Pro è un microprocessore della sesta generazione realizzato come l'8086, costruito nel 1995 per sostituire il primo Pentium che aveva avuto dei bug per i numeri in virgola mobile; l'architettura è pero' un po differente e si basa su un'architettura chiamata P6 che è stata utilizzata anche nei microprocessori successivi Pentium 2, Pentium 3, Pentium 4.

Evoluzione dei loghi Windows

Le memorie

Le memorie possono essere:

Volatili

Non Volatili

Memoria Tampone

Memoria di massa

Memorie a semiconduttore

Le memorie a semiconduttore sono:


ROM (Read only Memory) memoria di solo lettura
RAM (Random Access Memory)memoria ad accesso casuale

PROM (Programmable ROM) Memoria ROM Programmabile

EPROM (ERASABLE ROM) Memoria ROM cancellabile

EAROM (Erasable Alterable ROM) ROM cancellabile ed alterabile con i raggi ultravioletti

Floppy da 3 pollici e 1/2

Evoluzione delle memorie

EPROM 1024 x 8bit

Sistemi a microprocessori

 ESCAPE='HTML'

Immagini di schede di un computer aperto da noi

Foto del Pentium 3 del computer aperto da noi

Piedinatura del primo microprocessore 4004

 ESCAPE='HTML'

Piedinatura del microprocessore 8086

Piedinatura del Pentium 4

Foto di un computer aperto da noi in laboratorio

Pentium 4

Pentium Pro