Crea sito

Si definiscono raddrizzatori (rectifier circuits) quei circuiti che rendono monodirezionale una tensione alternata.

Un raddrizzatore quindi riceve in ingresso una tensione alternata con valore medio uguale a zero e produce in uscita una tensione con valore medio diverso da zero.

Esistono due categorie di raddrizzatori :

-raddrizzatore ad una semionda

-raddrizzatore a doppia semionda.

Raddrizzatore ad una semiomda

Un semplice circuito raddrizzatore ad una semionda può essere realizzato con un diodo  e una resistenza messi in serie, collegandoli in ingresso ad un generatore di funzione alternata di tipo sinusoidale ad esempio alla frequenza di 10 KHz.

Se sul carico R mettiamo in parallelo un oscilloscopio, su di esso possiamo visualizzare la sua onda raddrizzata.

Possiamo verificare quanto detto, oltre che praticamente,  anche con il software Multisim che ho utilizzato per realizzare il seguente schema elettrico.

Raddrizzatore a doppia semionda

Il ponte di Graetz

Un raddrizzatore a doppia semionda può essere realizzato utilizzando la configurazione a ponte di Graetz.

Guardando lo schema esso può sembrare non conveniente perchè utilizza quattro diodo anzichè uno; ma essendo il ponte di Graetz integrato in un unico componente , questo non è un problema.

Lo schema elettrico è il seguente:

Schema del ponte di Graetz